Poteri magici

Come funzionano e perché sono possibili.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on email

Parliamo di super poteri.

Ci sono persone che riescono a fare cose che sembrano oltre il normale, paranormali, spesso se analizziamo la fenomenologia che permette a queste persone di far accadere tali cose, possiamo riscontrare 2 tipi di fenomeni.

Ma prima di descrivere questi due fenomeni bisogna chiarire un concetto importante, tutto ciò che rende possibili atti che appaiono quasi impossibili e paranormali è qualcosa che accade in funzione di precise dinamiche che il corpo, la mente e lo spirito che operano come un tutt’uno coeso possono mettere in moto. Ciò che rende questi atti paranormali, è solo il fatto che quasi nessuno sembra saperli attuare, e questo che li rende paranormali.

L’essere umano civilizzato e addomesticato, non opportunamente addestrato, ha accesso ad una ridotta quantità di potenziale creativo ed energetico, in funzione del predominio della razionalità su tutti i processi cognitivi che vive.

Esistono persone che comunemente chiamiamo sensitivi o medium, che hanno la capacità di incorporare uno spirito dentro di loro, è come se aprissero delle porte e poi le richiudessero, così da operare per un certo tempo con il potenziale energetico aggiuntivo dello spirito, tale incremento di energia potenziale, permette alla persona di fare cose incredibili, ma occorre riflettere su una cosa molto importante, lo spirito non fornisce capacità, fornisce solo due cose, un aumento del potenziale energetico necessario a uscire fuori da una posizione e poterne raggiungere un altra dove psichicamente la cosa che si intende fare risulta possibile e praticabile. La seconda cosa che fornisce è indicazioni sul come fare la manovra, facilita il processo, ma è assolutamente importante comprendere che la dinamica e la meccanica degli elementi che si mettono in moto per realizzare l’atto paranormale sono propri dell’essere umano e del suo 90% di potenziale inesplorato. Lo spirito fornisce solo un accesso veloce e facilitato a delle possibilità, che altrimenti dalla posizione di fissità in cui la persona vive, non avrebbe abbastanza energia per raggiungerle.

Quindi torniamo alle due tipologie di fenomeni paranormali.

La prima è quella dove c’è l’intervento di uno spirito che aggiunge se stesso al potenziale energetico del praticate, cosa che spesso può causare conseguenze molto nefaste per la vita del praticante.

La seconda è quella dove il praticante ha lavorato duramente per sbloccare e attivare livelli di energia potenziale e usa quell’energia per trasportarsi in zone della propria psiche dove certe cose risultano attuabili.

C’è una differenza abissale fra questi due stili di lavoro magico. Uno potremmo chiamarlo lo stile della cicala, l’altro quello della formica.

La chiave è comprendere che lo spirito fornisce solo un surplus di energia, che noi non abbiamo a disposizione per far accadere quello che vogliamo far accadere, questo la dovrebbe dire lunga sul quanto sia necessario e indispensabile saper risparmiare energia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *