Tav

Numero 400 | Terra e Luna | Il matto
Introduzione ai 22 archetipi che formano tutto quello che esiste.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on email
Sai riconoscere quando nella tua vita qualcosa è terminato? Hai il coraggio di prendere con te l’essenziale e incamminarti verso senza meta alla ricerca di qualcosa di più intenso e significativo da fare?

Questa lettera rappresenta un marchio, nello stesso modo in cui una x rappresenta il punto di arrivo su una mappa. Tav significa manifestazione, verità.

Manifestazione ultima
Conclusione di qualcosa
La perfezione, la completezza della creazione
La fine, la morte di qualcosa
Avere la terra sotto i piedi
La verità
L’essere stufi di qualcosa perché una fase è conclusa.

Tav sull’Albero della vita

Iniziamo sempre da Malkuth, la realtà di tutti i giorni, in cui spesso ci troviamo incastrati. Malkuth inizia con una mem, quindi già sappiamo che è un ambiente energetico che ci trasforma, ci controlla, ci plasma a suo piacimento, dal quale non è semplice uscire.

La prima tappa del nostro viaggio di risalita è Yesod, e questo è un percorso verticale. Scopriremo durante questo viaggio che ogni percorso ha caratteristiche peculiari, in funzione di tanti fattori, come ad esempio l’inclinazione del condotto sull’albero della vita: secondo l’antico manoscritto Sefer Yetzirah le linee verticali e orizzontali sono associate alle forze planetarie del sistema solare, mentre le linee oblique rappresentano le energie delle costellazioni ove i pianeti si trovano a intersecarsi. Nel caso di Malkuth e Yesod la lettera che governa questo percorso è l’ultima lettera dell’alfabeto ebraico, la Tav e il pianeta in questione è la luna. Camminare su questa strada significa accorgersi che ciò che il regno (malkuth) ci sta offrendo non ci basta, abbiamo bisogno di qualcos’altro, siamo stufi di quello che ci passa il convento e quindi entriamo in uno stato di consapevolezza intensificato e rivolgiamo lo sguardo a quel panorama di immagini interiori, di sogni, alla ricerca di qualche desiderio, di qualche bisogno che sia veramente un fondamento, che sia proprio fondamentale per noi, sul quale poter agire.

Tav è una lettera di verità, quindi ci chiederà di ascoltare la nostra verità e di dichiarare in modo autentico cosa c’è che non va, di cosa abbiamo bisogno e tav ci risponderà solo se saremo 100% autentici con noi stessi.
Camminando su questo percorso in modo sveglio, acceso e consapevole potremo ottenere informazioni chiare sul nostro modo di reagire nelle situazioni, e appena incontriamo i nostri desideri e bisogni, su questo percorso, scopriremo il modo in cui tendiamo a soddisfare il bisogno di stare bene con noi stessi e al sicuro.
Questo percorso indica come l’individuo sa accorgersi che è stufo di qualcosa, che quello che stava facendo è compiuto, finito, esaurito ed è necessario volgersi altrove. Indica come l’individuo si sente verso le cose che accadono, indica il modo in cui si reagisce.

L’arcano maggiore corrispondente a questo percorso è il matto, e se contemplate l’immagine vi sarà chiaro di come il matto stia camminando in direzione contraria, il futuro per gli arcani va da destra a sinistra, il matto va in direzione opposta, come se andasse nella direzione del suo passato, di quando era bambino, forse per ritrovare qualche desiderio autentico di cui si è dimenticato.

Fare Tav quindi significa accorgersi di essere stufi e avere il coraggio di andare a vedere, testimoniare e agire in modo appropriato, quindi iniziare a mettersi in viaggio senza una meta fissa, intanto però si è deciso di partire.
Siamo in Yesod.

Morofologicamente la lettera Tav è una Resh con una Waw rovesciata che richiama simbolicamente la necessità di arrivare da qualche parte, ma quel rigoletto in basso, richiama anche la forma della gimmel, che indica la necessità di un movimento, di un incamminarsi per arrivare a destinazione, quel viaggio è il parto quando il bambino arriva in malkuth.

Qui dentro come dicevamo troviamo un mare di immagini, emozioni, desideri, bisogni, necessità a cui possiamo iniziare a dare attenzione: una volta scelta, isolata una di queste necessità, desideri o bisogni possiamo iniziare a orientarci per agire su di esse.

Ci troviamo in un luogo dove abbiamo 3 porte:

Hod: dal desiderio allo splendore
Netzach: dal desiderio alla bellezza
Tiphareth: dal desiderio all’equilibrio

Ogni lettera è un superpotere che l’anima può amministrare nella vita, fra i super poteri che tav insegna troviamo la capacità di dire la verità, di dirsi la verità, di esprimerla, se dentro di te capisci che hai un bisogno, una necessità fondamentale animica che fatichi ad esternare, tav ti insegna a tirarla fuori, manifestarla, si ti considereranno matto o matta, perche quasi nessuno lo fa, la maggior parte delle persone sono intrappolate dentro matrix (malkuth), dove la verità non va di moda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *